Turismo 2.0

30 agosto 2012

Come si comporta il viaggiatore del 2012? Ce lo dice Google…

Come si comporta il viaggiatore online? Dove e come trova l’idea per la sua prossima vacanza? Quali fonti usa per scegliere la sua destinazione e prenotare il suo soggiorno? Le risposte sono tutte in questo articolo. Una ricerca commissionata da Think with Google eseguita tra aprile e maggio di quest’anno traccia il profilo tipico del viaggiatore americano.
14 agosto 2012

Hall Street, il mercato libero arriva nelle prenotazioni per hotel (in barba alla parity rate)

Si chiama Hall Street ed è un vero e proprio marketplace di stanze di hotel. Prima il cliente può fare la propria offerta per il soggiorno, poi può mettere nuovamente in vendita la prenotazione acquistata proponendola agli altri utenti della piattaforma. Il tutto in barba alla parity rate! www.hallst.com
13 agosto 2012

Le prenotazioni online del tuo hotel: capire da dove arrivano per incrementare il business

Le prenotazioni per un hotel? Quasi mai arrivano da un solo canale. Ricerca organica sui motori. Campagne pay per clic. Newsletter e DEM. Senza contare la galassia dei social. La grande sfida è capire quale percorso segua chi prenota online con il tuo booking. Solo così potrai ottimizzare gli sforzi di Web marketing e incrementare il business del tuo hotel.
20 luglio 2012

Hotel e sito mobile: progetta il tuo pensando a come gli utenti effettuano le ricerche

Stai pensando di realizzare il sito mobile del tuo hotel o programmare una campagna AdWords dedicata ai viaggiatori in mobilità?! Allora ti consigliamo di porre molta attenzione a come i “mobile user” solitamente effettuano le ricerche. Ecco alcune considerazioni e consigli pratici per chi desidera puntare sulle ricerche effettuate da smartphone.
9 luglio 2012

Tingo (Tripadvisor) ti assicura dal calo del prezzo della camera

TripAdvisor colpisce ancora. Da inizio anno è online il nuovo portale di prenotazione hotel che promette di restituire sulla carta di credito dell’acquirente la differenza nel caso in cui l’albergo prenotato cali il prezzo. Ed ecco spiegato anche il nome Tingo: deriva dall’unione delle parole “Travel” + “Bingo”! www.tingo.com
3 luglio 2012

BackBid mette in competizione tra loro gli hotel!

Hai prenotato un soggiorno, ma vuoi provare a spuntare un prezzo migliore? BackBid ti consente di verificare se altri hotel sono disposti ad offrire di più! BackBid è ancora una start-up attiva solo negli Stati Uniti (sul sito è riportata la dicitura “beta version”), ma già sta facendo parlare parecchio di sè e soprattutto sta facendo inalberare gli albergatori, che con questo modello di prenotazione vengono messi in forte concorrenza l’uno con l’altro (come se non lo fossero già!). www.backbid.com
4 giugno 2012

I fans del tuo hotel prenoteranno direttamente da Facebook?

Per ora il debutto borsistico della IPO di Facebook ha portato grosse delusioni ai suoi azionisti. A pochi giorni dalla sua quotazione al Nasdaq, l’azione del più noto dei social network perde oltre il 25% del suo valore, ridimensionando fortemente la super valutazione di 100 miliardi di dollari in sede di IPO (100 volte l’utile)!! Qualcuno potrebbe pensare che abbiamo deciso di occuparci di investimenti finanziari, ma non è così! La valutazione di Facebook e il suo tracollo in borsa (almeno per ora…) sono in linea con le riflessioni e i dubbi che anche coloro che si occupano di marketing  si stanno ponendo. E gli hotel non fanno eccezione vista lo loro grande presenza in rete e nel mondo social in particolare. Facebook può diventare un canale di booking?
25 maggio 2012

Come cambia la ricerca degli hotel nel Web

Negli ultimi cinque anni abbiamo notato un cambiamento importante nel modo in cui i viaggiatori cercano gli hotel online. Ancora un po’ di anni fa, quando la gente grazie al Web capì che poteva fare a meno degli agenti di viaggio, le ricerche più frequenti iniziavano sempre con qualcosa del tipo “hotel a roma” e da questa prima ricerca s’andava poi a scavare a fondo per crearsi la propria lista di hotel preferiti. Ormai non è più così. Fin dal 2004 questo tipo di ricerche generiche sono entrate in una fase di progressivo declino. Per le città più importanti, i volumi di ricerca si sono contratti anche del 70% negli ultimi sei anni.
4 maggio 2012

Groupon & company – croce o delizia?

Ultimamente accade sempre così: dopo le presentazioni ufficiali ed un primo brief sugli obiettivi di vendita gli albergatori vogliono conoscere la nostra opinione in merito ai fatidici gruppi d’acquisto Goupon & Company!  Qui citiamo la più nota iniziativa di vendite flash, ma ve ne sono molte altre – ad esempio Groupalia, LetsBonus, Glamoo – il cui modello di business, a parte qualche dettaglio più o meno restrittivo, è decisamente simile. Chi ha avuto modo di approfondire le condizioni contrattuali proposte da Groupon & co. parte logicamente prevenuto! Incassare la metà della metà è troppo poco anche se i pacchetti in offerta vengono “gonfiati” qua e là con massaggi, cesti di frutta ed altre amenità che spesso interessano ben poco agli ospiti.
4 maggio 2012

Google Hotel Finder, nuova collocazione per il box

Google Hotel Finder? Forse ne avete già sentito parlare. Si tratta dell’ennesimo motore di ricerca verticale ideato da Mountain View, questa volta per cercare di scalzare, chissà se e in quanto tempo, i vari portali specializzati nell’intermediazione tra offerta e domanda nel mondo del turismo online. Almeno per ora, Google Hotel Finder è disponibile solo per gli utenti americani, ma il progetto, a quanto pare, prosegue.